saper dire "no" al lavoro
saper dire "no" al lavoro
Salute e benessere

Saper Dire No: Una Competenza che devi acquisire se desideri lavorare bene e vivere sereno

Tempo di lettura: 4 minuti

Come liberi professionisti, siamo spesso al crocevia tra creatività e praticità, dove ogni progetto porta con sé una nuova sfida e un’opportunità di crescita. Tuttavia, in questo percorso creativo, ci imbattiamo in un bivio cruciale, spesso trascurato: il potere di saper dire “no”.

Dire no a un cliente può sembrare controintuitivo, soprattutto in un’epoca dove il servizio clienti è re e ogni progetto è un potenziale portafoglio. Tuttavia, imparare a dire no è tanto una competenza quanto lo è saper trasformare un mockup in un sito web funzionale. Può essere la chiave per salvaguardare la propria integrità professionale, mantenere una qualità di lavoro elevata e, soprattutto, preservare la propria salute mentale e creativa.

Immaginiamo un cliente che chiede qualcosa al di là delle nostre competenze, o forse una richiesta che stride con i nostri valori etici o estetici. Oppure, ci si trova davanti a una proposta di progetto con un budget o una tempistica non realistici. In questi momenti, la nostra capacità di dire no, in modo rispettoso ma fermo, non solo ci salva da notti insonni e cicli di lavoro stressanti, ma stabilisce anche un prezioso precedente per il nostro approccio professionale.

Qualche tempo fa mi è capitato di dire “no” ad un cliente per un ingaggio veramente interessante: aveva bisogno di qualcuno che prendesse in mano tutta la comunicazione della sua Azienda, coordinasse il suo team grafico e prendesse con lui decisioni su quali azioni di marketing intraprendere.
Pagato molto bene, con soddisfazioni personali e professionali sembrava un ottimo ingaggio se non fosse stato che:
1. Il Cliente a breve avrebbe partecipato ad una fiera e questo avrebbe comportato lavorare per lui (e solo per lui con tutto il mio team) per almeno 15 giorni di seguito con ritmi più che pressanti
2. Mettere da parte tutti gli altri clienti
3. Formare il team interno del cliente per poter ottimizzare processi e creatività ed altre mille attività che si fanno per una fiera internazionale.
4. Fronteggiare i mille imprevisti che nascono quando si fanno le cose così a ridosso di un evento importante.

Perche gli ho detto “no”?
Perchè, per quanto dal punto di vista economico, in un PRIMO MOMENTO sembrasse conveniente, a lungo andare sarebbe stato deleterio per la qualità del mio lavoro e della mia salute mentale.

Capire quando dire no è una competenza essenziale per ogni libero professionista.
Imparare a riconoscere queste situazioni e agire di conseguenza non solo protegge te stesso e il tuo business, ma assicura anche che dedichi il tuo tempo e le tue energie a progetti che sono veramente in linea con i tuoi valori, competenze e obiettivi di crescita.

Come Dire No
Dire no a un cliente può essere impegnativo, ma fatto nel modo giusto, può rafforzare la tua professionalità e rispetto reciproco. Ecco alcuni consigli su come farlo in modo efficace:

1. Essere Chiari e Diretti
Usa un linguaggio chiaro e diretto, evitando giri di parole. Ad esempio, “Dopo aver attentamente considerato il progetto, devo declinare la proposta per [motivi specifici].”
Questo approccio elimina le ambiguità, rendendo chiare le tue intenzioni.

2. Mantenere un Tonor Rispettoso
Anche se stai rifiutando la richiesta, mantieni un tono cortese e professionale. Ad esempio, “Apprezzo molto l’opportunità di lavorare con voi, ma…”
Un tono rispettoso mantiene le porte aperte per future collaborazioni.

3. Fornire una Spiegazione Breve ma Adeguata
Offri una spiegazione concisa ma sufficiente per il tuo rifiuto. Evita dettagli eccessivi che potrebbero confondere o irritare il cliente.
Una spiegazione chiara aiuta il cliente a comprendere la tua posizione e dimostra professionalità.

4. Offrire Alternative o Soluzioni
Se possibile, suggerisci alternative o riferisci a colleghi o risorse che possono soddisfare le esigenze del cliente.
Questo dimostra la tua volontà di supportare il cliente nonostante il rifiuto.

5. Rispondere in Tempo Utile
Non procrastinare. Rispondi non appena hai preso la tua decisione.Rispondere tempestivamente dimostra rispetto per il tempo del cliente e professionalità.

6. Ringraziare per l’Opportunità
Concludi la comunicazione ringraziando il cliente per aver considerato i tuoi servizi.
Questo lascia una buona impressione e mantiene un rapporto positivo.

7. Documentare la Comunicazione
Se possibile, comunica il tuo rifiuto per iscritto (ad esempio, via email o WhatsApp) ma solo DOPO aver parlato (meglio se di persona) con il Cliente
Questo fornisce una traccia documentata della tua risposta e delle tue ragioni.

8. Essere coerenti con la propria scelta
Se dopo il nostro “no” il cliente prova a convincerci dicendoci, magari, che facendo così gli creiamo solo problemi, siamo fermi nella nostra decisione.

Esercitarsi nel Dire No
1. Riconoscere l’Importanza del No
Dire no è un aspetto fondamentale del controllo della propria carriera. Questa consapevolezza aiuta a stabilire confini chiari e a prendere decisioni che allineano il lavoro ai propri valori e obiettivi.
Rifletti sugli esempi passati in cui hai detto sì quando avresti dovuto dire no, e considera come quelle decisioni hanno influenzato la tua carriera e il tuo benessere.

2. Esercitarsi con Scenari Ipotesi
La pratica rende perfetti: creare scenari ipotetici in cui devi dire no può aiutare a sviluppare questa abilità.
Simula diverse situazioni con un collega o un amico, dove pratichi il rifiuto di richieste inappropriate o non vantaggiose.

3. Ricevere Feedback
Ottenere feedback su come si dice no può offrire preziose intuizioni su come migliorare.
Dopo aver praticato con scenari ipotetici, chiedi feedback sulla tua comunicazione, tono, e spiegazioni.

4. Valutazione Personale e Riflessione
Fare autovalutazione regolare delle proprie decisioni e del proprio stile comunicativo è vitale.
Tieni un diario di lavoro dove annoti le volte in cui dici no, includendo il perché e come ti sei sentito, per valutare la tua crescita in quest’area.

5. Imparare dalle Esperienze degli Altri
Ascoltare e imparare dalle esperienze di altri liberi professionisti può essere incredibilmente istruttivo.
Partecipa a forum, workshop o gruppi di discussione dove colleghi condividono le loro esperienze.

6. Stabilire Linee Guida Personalizzate
Avere linee guida personali su quando e come dire no può aiutare a rendere il processo più sistematico e meno stressante.
Crea una lista di criteri che userai per decidere quando dire no. Questi possono includere fattori come il budget, la timeline, l’allineamento con i tuoi valori, etc.
Io, ad esempio, ultimamente, uso spesso la frase “per una questione di policy interna…” e rifiuto.

Sviluppare la capacità di dire no in modo professionale richiede tempo, pratica e introspezione, lo sappiamo tutti, ma da qualche parte si deve iniziare.

Attraverso l’esercizio regolare, la riflessione e l’apprendimento continuo, puoi migliorare questa competenza essenziale, che ti servirà non solo professionalmente, ma anche nella vita personale.
Ricorda: dire no nel modo giusto può aprire la porta a opportunità più adatte e gratificanti.

 

 

Commenti

Spunti di lettura

Comments are closed.